Siamo tutti musicisti, il problema è scoprirlo: la dimostrazione pratica di Bobby McFerrin

Conoscete la scala pentatonica e le sue regole armoniche? Se la risposta è negativa, Bobby McFerrin ci dimostra che probabilmente vi sbagliate.
Matteo Ferretti
4 Novembre 2020
News

Il World Science Festival è un festival scientifico annuale prodotto dalla World Science Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a New York City. 

L’obiettivo della fondazione è informare ed educare scienziati e non sulle nuove frontiere della scienza, per offrire un luogo di preparazione e confronto con le implicazioni del futuro.

Nel 2009, durante la presentazione “Note e neuroni, in cerca di un coro comune”, viene invitato un personaggio fuori da qualsiasi contesto scientifico: il cantante jazz Bobby McFerrin.

Di fronte ad un pubblico di giacche e cravatte, Bob McFerrin, con i suoi solito capelli rasta e t-shirt nera, chiede un microfono e il coinvolgimento del pubblico. Intona una nota ed il pubblico insieme a lui: sembra una versione ridotta del live ‘86 al Wembley Stadium di Sua Maestà Freddie Mercury.

McFerrin salta da uno spazio a un altro, ora verso destra, ora verso sinistra, e avviene il miracolo: il pubblico, senza aver ricevuto alcuna istruzione in merito, associa e intona la nota esatta in base allo spostamento del cantante, come se Bobby avesse un’enorme tastiera sotto i suoi piedi. Un po’ come Tom Hanks nel film “Big”, vi ricordate?

Verso destra le note si fanno più acute, a sinistra più gravi. McFerrin si trasforma in un compositore estemporaneo, il pubblico in una vera orchestra, divertita e sorpresa, guidata da un mattatore eccentrico. Lo stupore dei partecipanti è alle stelle: si rendono conto di aver armonizzato la scala pentatonica, eppure, fino a quel momento, probabilmente nessuno ne era a conoscenza.

Stavolta, a discapito di una miriade di libri scientifici, l’intuito creativo di ognuno di noi ha avuto la meglio.

creatività, jazz, mcferrin

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per restare aggiornato sulle storie e i casi studio dei nostri clienti.


© 2020 Musa Studio.
Privacy and Cookie Policy.

Contatti