La spietata leadership di Thomas Shelby: cosa accadrà ai Peaky Blinders?

Durante il primo dopoguerra a Birmingham, nel quartiere di Small Heath, assistiamo all’ascesa dei Peaky Blinders e della famiglia zingara degli Shelby. Thomas Shelby (interpretato da uno straordinario Cillian Murphy), il leader della “casata gipsy”, ha un solo scopo: dirottare le attività illecite della famiglia verso una direzione più onesta e remunerativa.
Matteo Ferretti
22 Gennaio 2021
News

A tale scopo abbiamo visto fallire diversi protagonisti di serie TV. Penso a Walter White di Breaking Bad e Jackson Teller di Sons of Anarchy. Eppure questi personaggi sono legati dal pesante fardello caricato sulle spalle dai loro ideali, a tal punto da smettere di chiedersi se il fine giustifichi i mezzi

Walter White, interpretato da Bryan Cranston, in una scena della serie TV “Breaking Bad”

Thomas Shelby si contraddistingue per la sua leadership silenziosa: nonostante abbia istituito un consiglio di amministrazione composto dai suoi stessi familiari, Thomas è una persona ossessivamente riservata, ma sempre con una strategia nella manica. Spesso non la rende nota nemmeno ai suoi parenti, proprio per lasciarli interpretare un ruolo convincente nel suo teatrino fatto di inganni e colpi di scena.

Non è questione di sfiducia, Thomas ne soffre fortemente, ma spesso è l’unico modo per proteggere le persone più care intorno a lui e, tra tutti i Peaky Blinders, lui è l’unico capace di reggere questo peso, oltre a quello delle ferite riportate dalla prima guerra mondiale.

Ciò che mi ha notevolmente colpito è la cura che Thomas Shelby investe per ogni persona, anche la meno importante, come la sua cameriera o il suo cocchiere. Nonostante la sua mente sia sempre impegnata (e preoccupata), Thomas dimostra di essere un acuto osservatore, giudica l’operato e la lealtà di ogni personaggio e a tempo debito sa come ricompensare o vendicare le sue azioni. Non lascia mai nulla al caso.

Thomas Shelby in una scena della serie TV “Peaky Blinders”

I rumori della guerra non cessano di scomparire dalla sua mente e molto probabilmente questo conflitto interiore gli darà la forza per continuare la sua attività, soprattutto nei momenti decisivi per la sopravvivenza della famiglia.

Molti familiari proveranno a convincere Thomas a godersi una meritata vacanza, ma lui non vuole fermarsi, mai. Riuscirà a toccare con mano i propri limiti? Molto spesso risponde:

The man I can’t defeat.
L’uomo che non posso fermare.

Molto probabilmente Thomas Shelby allude ad un giovane Adolf Hitler che nella sesta stagione sarà interpretato da Rowan Atkinson.

Staremo a vedere chi sarà quell’uomo che varcherà i confini dei Peaky Blinders e in particolare di Thomas Shelby: forse proprio lui stesso.

I Peaky Blinders
leadership, peaky blinders

Servizi

Web

Realizzazione e gestione di siti web, e-commerce, blog e portali di informazione.

Social

Gestione dei canali Social: Facebook, Instagram, Twitter, YouTube.

SEO

Tutti i nostri progetti web sono seo-oriented, ovvero ottimizzati per la ricerca su Google e gli altri motori di ricerca principali.

Google ADS

Gestiamo campagne di Google ADS ovvero la pubblicità sul motore di ricerca Google.

Grafica

Realizzazione logo e immagine coordinata. Grafica per web, volantini, locandine e biglietti da visita.

Editoria

Editing completo di libri (revisione, impaginazione, copertina), riviste e fumetti (lettering).

Eventi

Organizzazione e promozione di eventi e spettacoli teatrali, attività di ufficio stampa e comunicazione.

Formazione

Corsi di formazione di gruppo o individuali su tutte le aree di nostra competenza qui riportate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Racconta la tua storia.


Noi raccontiamo storie comuni, di fallimento e di successo, e lo facciamo perché queste storie ispirano noi e i nostri clienti.

Sono storie di coraggio, ci aiutano a comprendere che non siamo mai davvero soli quando affrontiamo le sfide della vita: in qualche luogo o in qualche tempo, esiste o è esistito qualcuno che si trova nella nostra stessa situazione.

Questa sensazione si trasforma in empatia, in relazione… e ci fa sentire meno soli. Siamo interconnessi, siamo strade che si incrociano continuamente.  Le storie viaggiano lungo queste strade.

Possiamo continuare a correre ma possiamo anche fermarci, di tanto in tanto, per comprendere chi si muove insieme a noi. Noi siamo disposti a fermarci per ascoltare la tua storia, se hai voglia di farlo anche tu… fermati e raccontacela.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per restare aggiornato sulle storie e i casi studio dei nostri clienti.